lezampedifido.it

I mondiali in Qatar hanno destato molto scalpore per i diritti umani. Uno degli stati più ricchi al mondo che non è “civilizzato” per niente, che calpesta i valori di molti, come può non farlo sugli animali?

Per preparare in tempo i mondiali di calcio 2022, molti muratori immigrati sono stati maltrattati (per non usare altre parole), così come molti cani randagi sono stati brutalmente uccisi a suon di colpi di pistola, per fare “pulizia” prima dell’arrivo delle persone da tutte le parti del mondo che dovevano assistere al calcio.

Ancora una volta sono i soldi a fare la differenza in questo mondo, mentre la morale può anche essere calpestata se hai una bella somma di denaro da spendere…

Come se gli animali fossero spazzatura, oggetti sporchi da accantonare.

Non si sa molto a riguardo di questa vicenda come puoi leggere da questo articolo, perché, anche le associazioni che si sono pronunciate contro questa brutalità non possono di certo avere il diritto di parlare.

Cani che vengono uccisi o rinchiusi in canili lager aspettando solo di morire di stenti o per qualche malattia.

Ogni volta che leggo queste atrocità,  vergono di appartenere al genere umano!

Ci vuole fortuna a nascere

Mia madre mi diceva sempre: “Ci vuole fortuna anche a nascere cane!”, oppure ricordo la frase di mio fratello, un po’ più generica: “Ci vuole fortuna a nascere anche in un luogo piuttosto che in un altro!” Entrambi avevano ragione.

Penso ai miei cani, al caldo, con tante coccole, leccornie e tante cure e tanto amore. Al tuo cane che, magari, mentre stai leggendo questo articolo, dorme comodo sul tuo divano. 

E poi penso a questa vicenda in Qatar, dove, solo per pura avidità dell’uomo, si uccidono brutalmente dei soggetti che non hanno voce.

Come se la loro unica colpa (che poi non è), è quella di essere finiti per strada o essere nati lì e quindi bisogna fare piazza pulita.

Ricordiamoci però che è sempre stato l’uomo che li ha portati a essere randagi e sempre per colpa dell’uomo si decidono le loro sorti senza pensarci due volte: si preme un semplice grilletto per eliminare il problema.

Siamo nel 2022 eppure ancora dobbiamo fare molti passi avanti per diventare più rispettosi delle altre specie.

E su questo, a mio parere, sono migliori gli animali. Dobbiamo ancora imparare da loro!